Questa installazione di Joao Costa esplora l’interazione tra due elementi invisibili, il suono e il vento. Il vento all’esterno è la sorgente del suono, il sussurro che interrompe il silenzio. Un lavoro che consiste in una serie di sedici bottiglie collegate a dei soffiatori d’aria. Una banderuola fissata all’esterno di una finestra rileva la direzione del vento. All’interno, il motore inizia a pompare aria nella bottiglia che corrisponde a quella particolare direzione.