La scienza incontra l’arte in questa installazione del designer Daniel Sunden presentata durante il Glasgow Film Festival. “Sunken Ripples” invita gli spettatori a interagire con la sfera e controllare il movimento e la generazione delle “meduse digitali” sullo schermo.L’installazione nasce dalla collaborazione tra Daniel Sunden e Pufferfish, specialisti nella creazione di nuove forme di proiezione e contenuti che da diverso tempo stanno concentrando i loro sforzi nell’interazione/proiezione su elementi sferici.