L’empatia, la capacità di comprendere cosa un’altra persona sta provando, è la nostra chiave per esorcizzare paure e dolori. Empathy box del collettivo italiano iocose, è un apparecchio che produce dolore da condividere. E’ una scatola di legno e metallo, un oggetto vintage che ricorda una vecchia radio attorno a cui sedersi, insieme, ad ascoltare. Ma invece che musica o parole, gli astanti condividono volontariamente dolore. Una scossa elettrica, d’intensità variabile in base al numero di persone presenti, parte dall’apparecchio e attraversa la catena umana collegata ad esso.

Tratto dal libro di Geoffrey Miller, The mating mind:

« l’empatia si sarebbe sviluppata perché mettersi nei panni dell’altro per sapere cosa pensa e come reagirebbe costituisce un importante fattore di sopravvivenza in un mondo in cui l’uomo è in continua competizione con gli altri uomini. »