Per Chris Eckert è giunto il momento di togliere la manualità e l’unicità della produzione artistica anche nel campo dei tatuaggi. Basta scegliere un tatuaggio dal catalogo mettere il braccio nel macchinario, sopportare il dolore per 5 minuti e il gioco è fatto. Credo che l’intento di Eckert sia più a fini artistici che proporre una evoluzione tecnologica nel campo dei tattoo.