Sviluppato dagli studenti Chris Harrison e Julia Schwartz con il professor Scott Hudson dello Human-Computer Interaction Institute, il sistema TapSense usa un microfono collegato allo schermo per può essere usato per individuare esattamente che cosa ha interagito con il display. Invece di semplici tocchi, il sistema è in grado di distinguere tra un tocco fatto con il polpastrello, uno fatto con l’unghia, uno fatto con le nocche e così via. Questo pare nuove prospettive perché oltre a riconoscere le gesture, un sistema può essere programmato per rispondere in un modo piuttosto che in un altro a seconda della parte del dito con cui si tocca lo schermo.