“Robotbuddha ” è l’installazione interattiva che affronta la questione del rapporto tra spiritualità e tecnologia. Se la natura di Buddha è ovunque e in tutte le cose, possiamo negare che la natura di Buddha sia in un robot?. Un’esperienza tecnologicamente mediata è spiritualmente meno valida rispetto ad una diretta?. Utilizzando un account Twitter dedicato, i partecipanti sono invitati a inviare le loro preghiere al “santuario robot”. I messaggi vengono convertiti in codice Morse trasmessi da bracci robotici che battono delle Moktaks, strumenti tradizionali a percussione in legno, utilizzati durante rituali buddisti.